martedì 22 novembre 2011

Beppe Costa incontri: "Dettagli Materici" di Fabio Mariani


In un periodo in cui da più parti si tenta di mostrarci ciò che non c'è, trasformando, trasfigurando, abbellendo persino questa realtà virtuale, tentando con queste modifiche di farla apparire a tutti i costi reale, così da farla imitare fianco dagli artisti che, perciò, hanno smesso di contestarla, appare inusuale presentare un pittore come Fabio Mariani.
La sua conoscenza di quelle tecniche pittoriche antiche (e perciò faticose) olio, acrilico, tempera, collage, dell'uso del colore e del colore stesso applicato non alla luminosità, ma piuttosto alla luce, rappresentano una diversità di indubbio rilievo, persino geniale se applicato a quella realtà, troppo spesso mascherata o nascosta, ma scomoda e perciò dirompente. Se il compito dell'artista è quello di metterci in guardia perché vede oltre, Mariani lo fa con la conoscenza e la consapevolezza di ciò che è stato, del disastro provocato dall'essere umano, rappresentando quindi nell'opera compiuta ciò che vede.


L'Autore ha acquisito, attraverso la passione e l'amore per artisti che vanno da Magritte, Dalì, Caravaggio, Romano (per citare alcuni così diversi fra loro ma di ciascuno apprezzandone le tecniche e le idee), una maestria e un uso del colore di notevole livello, che maggiormente si estrinseca quando agisce su quei temi che più lo colpiscono: il degrado dell'uomo visibile attraverso la sofferenza delle guerre, della fame e delle lotte disperate per la sopravvivenza.
Alcune opere presentano quella parte di tenero dolore che è spiegabile soltanto sapendo che Mariani ama la musica suonando anche uno strumento e, pur non mostrando spartiti, almeno per ora, c'è la presenza di tutto ciò che un artista coglie nelle altre arti, dalla musica, al teatro, al cinema, fino alla danza.
Fabio Mariani quindi, non corteggiando facili tendenze, percorre un cammino seppure antico sempre moderno che è quello appunto percorso dai grandi del passato che rimangono a mostrarci ciò che c'è, in apparenza tanto diverso ma sempre tanto simile, anche dopo centinaia d'anni: l'Arte come unico senso della vita.
beppe costa

Partecipa a varie mostre collettive e personali in diversi luoghi della penisola, vinto svariati premi, da qualche anno espone anche all’estero:
Theatre Du Vesinet di Parigi;
Fukuoka – Giappone.
Nel 2012 sono programmati eventi in Germania e Cina. Ha realizzato scenografie per spettacoli teatrali e copertine per editori. Si esprime anche con incisioni, ha fatto ritratti a rilevanti personalità della cultura come Silvano Agosti, Arnoldo Foà e Beppe Costa. Le sue opere sono esposte in collezioni pubbliche e private.
Dopo aver esposto, nel 2011, al Theatre Du Vesinet di Parigi, alla Casa di Dante a Firenze, Teatro dei Dioscuri del Quirinale a Roma infine alla Fondazione La Masa Bevilacqua di Venezia, l’artista torna ad esporre alla Libreria Pellicanolibri di Casalotti:
“Scegliere la libreria come “spazio espositivo”, è stato come tornare a casa, o meglio, restare a casa”. Ascoltando Fabio Mariani si capisce che sente la libreria come un prolungamento del suo studio, uno spazio talmente famigliare e conosciuto da essere un tutt’uno con i suoi luoghi più affezionati e cari. D’altro canto, per la libreria Pellicanolibri, è stato e sarà un privilegio accettare e rivedere nei suoi corridoi le opere di Fabio, dopo che lo stesso artista li ha percorsi per chissà quante volte, bambino prima, adulto poi; quegli stessi libri che lo hanno visto crescere, ora vedono crescere e svilupparsi il suo genio artistico, le sue tele. L’autore riporterà un po’ di sé alla libreria, testimoniando così la sua crescita: il confronto con Fabio Mariani,l’artista attuale, con i luoghi in cui c’è stato Fabio Mariani, l’artista in primordiale crescita.
Ci diamo quindi appuntamento:
venerdì 16 dicembre 2011 alle ore 18:00
presso la libreria Pellicanolibri
Via Gattico 3, 00166 Roma -Casalotti-
s.b.

Contatti:
Posta un commento