martedì 3 giugno 2014

Memorie (quasi) vere: Goliarda Sapienza



Per avere il libro scrivi a: pellicanolibri@libero.it
Dopo Amelia Rosselli e Dario Bellezza, stavolta viene a mancare Goliarda Sapienza. È il 30 agosto 1996. Viene trovata nella sua casa di Gaeta, ai piedi della lunga scala da dove, presumibilmente, era caduta (o chissà, spinta giù).
Sarà trovata dopo alcuni giorni, una delle mie più grandi amiche che ho cercato di sostenere con tutta l’anima non solo pubblicando il suo “Le certezze del dubbio” nel 1987, (Pellicanolibrima cercando di stimolare anche altri editori, e riportandola in Sicilia grazie al sindaco Enzo Grasso e con Marta Marzotto a fare da sponsor e presentarla. L’avevo naturalmente incontrata grazie a Adele Cambria e mai persona mi fu così simile nel pensiero, nella libertà di opinioni, nell'ascoltare i giovani e tante altre cose che mi ci vorrebbe un libro intero per poterle esaminare ed esternarle tutte.
Tale è stato l’affetto che ci legava che, come capita in questi casi, le lunghe conversazioni notturne, sembrano fare più parte della mia vita personale che della sua. 
Da leggere questo articolo di Adele Cambria nel suo blog:
Goliarda Sapienza, la terribile arte della gioia
in occasione della pubblicazione de “L’arte della gioia”, anche in Italia, dopo lo straordinario successo avuto in Austria, Germania, Francia. Lei è, secondo me, (e non solo) insieme a Elsa Morante, la migliore scrittrice italiana degli ultimi due secoli.
Goliarda Sapienza, nello spettacolo organizzato per lei al
Teatro di Terrasanta, Premiata con un assegno di 2 milioni,
Unico ricevuto in vita. Roma, Casalotti, 1994

Così (sempre con la Cambria), cercammo di ottenere il vitalizio previsto dalla legge Bacchelli (come era accaduto per Anna Maria Ortese) ma qui la storia è andata peggio: Goliarda aveva rubato gioielli ed era finita (molto volentieri dirà più d’uno) in carcere, da qui il libro riedito da Rizzoli (“L’Università di Rebibbia”) e poi nuovamente sparito. Quindi non poteva ottenere alcunché dallo Stato.
Conservo ancora in camera da letto lo scialle di Goliarda- Rai3 (storia) in un vecchio filmato girato ad un anno dalla morte, ha censurato il mio intervento, considerandolo forte ed offensivo nei confronti della ‘cultura’.
In effetti il mio intervento nel documentario girato a casa di Goliarda, poi divenuta naturalmente del marito Angelo Pellegrino, era un atto d’accusa verso le stesse persone presenti. Non era certo la gelosia che addolorava Goliarda, quanto rimanere con quel minimo di denaro utile (che guadagnava, una miseria) al Centro di drammaturgia.
Con Goliarda. Adele Cambria e Citto Maselli
Era dunque in casa il nemico suo e mio e certo non avrebbe permesso che una trasmissione voluta da lui stesso e in casa sua, parlasse male del loro rapporto.
A quel punto tutto ciò che ne è seguito non ha avuto più alcun interesse per me: ho visto piangere Citto Maselli, il suo compagno precedente durante un incontro al comune di Roma dedicato a Goliarda, ho visto e sentito il calore umano di Monica Vitti e di Adele Cambria ma poco, anzi per niente il dolore di Pellegrino.
Ma riconosco che dalla morte il suo lavoro è stato determinante affinché Goliarda avesse finalmente il successo! 
Tante tesi di laurea, alcune associazioni sono nate a Catania (città che rivide da grande solo nel suo aeroporto).
Il solo premio in denaro ricevuto in vita fu a Casalotti, nel teatro del quartiere, organizzato dalla Pellicanolibri, con il contributo dei tanti amici giovani che ci circondavano. Null'altro.
beppe costa

Oggi l’autrice è quasi interamente pubblicata dalle edizioni Einaudi
Per approfondire leggi anche qui


Per "Memorie (quasi) vere" leggi anche:


http://beppe-costa.blogspot.it/2014/01/memorie-quasi-vere-arnoldo-foa.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/03/memorie-quasi-vere-enzo-jannacci.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/02/memorie-quasi-vere-alberto-moravia.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/03/memorie-quasi-vere-alejandro-jodorowsky.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/03/memorie-quasi-vere-leo-ferre.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/05/memorie-quasi-vere-serse-cardellini.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/05/memorie-quasi-vere-gregory-corso.html
http://beppe-costa.blogspot.it/2014/05/memorie-quasi-vere-naim-araidi.html


Posta un commento