lunedì 31 agosto 2015

La poesia c'è, come i Poeti e i becchini!

foto Marco Cinque
Storie parallele sull'editoria
Qualcuno sui giornali scrive di poesia, di festival e dei poeti. Ché, tanto, non sono la medesima cosa. Già da tempo la poesia è il fantasma fra le molteplici scitture, quindi, è salutare parlarne e così si moltiplicano gli articoli per scriverne male.
Se da una parte alcuni editori come Einaudi e Mondadori cessano di pubblicarla, vuoi per non favorire curatori, traduttori e amici degli amici, gli altri, gli esclusi, non si perdono d'animo e se, come accade, hanno avuto un qualche posto su giornali, blog, premi o tivvù la attaccano. 
Sappiamo che la critica è definitivamente scomparsa, in un paese (il nostro, ma non solo) dove anche per un fantasma non redditizio come la poesia, ci si batte all'ultimo sangue, ma se (come scrive anche Lello Voce leggi QUI e di conseguenza continua a scrivere di poeti evidentemente vivi: Galluccio, Buffoni, Rondoni, etc, e delle collane defunte) i poeti sono morti e, quindi, senza più sangue da versare (mentre versa quello di Franco Loi) la poesia pare non lo sia e ci restano solo una infinità di 'becchini' che prendono ancora perfino soldi per ciò che scrivono.
Uno a caso, fra i più grandi: Jack Hirschman
(foto: Marco Cinque)
Così per i Festival, quelli non foraggiati da onorevoli e governanti, comuni o regioni, malgrado mille difficoltà (non solo da noi) continuano imperterriti a promuovere diffondere incitare al resuscito di chissà quanti poeti e poesia.
Perfino grandi potenze economiche come ilmiolibro - che fa capo a Feltrinelli - sa bene che comunque anche se i poeti (o almeno quelli che scrivono poesie) sono morti hanno soldi da investire, così anche Poeti e poesia coi suoi vari concorsi a premi si nutre di poeti morti.
A questo grande funerale non intendo partecipare, né portare fiori. 
Perché più che la poesia e i poeti quello che è veramente morto resta chi ne scrive, battendosi il petto alla ricerca di parole nuove (e adeguate) per dimostrare quanto affermato.
Poi, come ho già ripetuto più volte, chi di questi funerali scrive, non si dimette né da poeta né da critico così è nata la categoria del becchino o se vogliamo del prete adibito alle estreme unzioni, perché in fondo qualcuno fra i poeti, critici, giornalisti, blogghisti si salva: se stesso!



b.c.
Posta un commento