domenica 3 febbraio 2019

prosegue la mia attività come Fondazione con marchio Pellicano


foto: Dino Ignani
Ringrazio tutti coloro che hanno firmata la petizione, versando pure denaro che non va a me, né alla mia attività. Le pagine che curo da Dario Bellezza a Pellicanolibri, da beppecostapoesie saranno affidate ad alcuni collaboratori.
Inoltre le influenze di alcuni amici mi hanno impedito di aggiornarvi. 
La prima è la nascita prossima della mia fondazione, così da evitare che vada al macero come spesso accade a chi va a riposare un po' più a lungo.
Fondazione Beppe Costa. Aggiungo che non sarò in grado di viaggiare se non accompagnato né di partecipare gratuitamente, salvo ciò che indico più avanti, a incontri, ammucchiate di arti con sbafata finale. Se non arriva il sussidio della Bocchelli, farò come sempre, vendo fino all'ultima copia di un libro,ì e proseguo. Sostiene una grande amicaa amica Barbara Alberti, dovrebbe chiamarsi Legge Beppe Costa, visto che è stata applicata per la prima volta per Anna Maria Ortese, con la raccolta di firme, grazie ad un articolo su Il Giorno, su segnalazione di Adele Cambria. La storia è molto lunga dolorosa ma, rifarebbe la stessa cosa, spendendo soldi (allora non c'era la rete). Aveva già fatto qualche anno prima la raccolta di firme per la Casa Museo di Palazzolo Acreide di Antonino Uccello (due libri suoi pubblicati, pochi acquisti, molti si sono fatti strada pure il prefatore che, oggi scrive TUTTI i risvolti per Montalbano (none preso da Montalban (pubblicato per la prima volta appunto dalla sua casa editrice, da oltre 40 anni ignorata da tutti i giornali (e non è vero che fu consigliato da Sciascia che neanche conosceva) per i librai sfrattati e librerie oggi scomparse.
Le prossime novità della Fondazione saranno: Gocce di ventre, ristampa di Romanzo siciliano in unico volume, cui seguiranno le poesie di Daniela Dante, i racconti di Fabrizio Arrighi. Alcune ristampe importanti come Fatto di Cristallo di Christian Delfini, inoltre cercherò di recuperare libri che, senza nessuna autorizzazione hanno ristampato copiando pure lo scritto introduttivo. Alcuni dei nostri libri avranno il testo a fronte e ciascun autore potrà partecipare a viaggi organizzati dalla Fondazione in corso, con la Fondazione di Bruno M Daga, e la collaborazione di molti autori provenienti altri paesi.
Marco Cinque racconta agli alunni la storia di Eros Caro
da 35 anni nelle carceri di San Quentin, che ha risposto alle domande.
lo scorso anno non ha dato soddisfazione tornando nei pascoli che attendevano
 Ci occuperemo sostenendo come sempre scrittori emarginati, con difficoltà economiche, soprattutto, con la collaborazione della Onlus Coccinelle per l’oncologia pediatrica del Gemelli di Roma, ma contiamo di promuovere altre iniziative per bambini e anziani sia in ospedali, pensiamo già a quelli di Cagliari, Sassari, Ozieri, che nelle carceri. La nostra attenzione e il primo incontro sarà invece presso la Pellicanolibri di Roma, dedicato ai profughi contro chi, pensiamo stia assassinando migliaia di bambini e uomini che scappano da guerra scatenate proprio da noi e gli alleati, fornendo armi a chi li massacra e poi ricostruisce, dopo avere rubato tutto ciò che c’era da rubare.

Attenzione non cerchiamo autori bensì lettori, so che sembra strano
ma se guardate attorno ormai un libro sostituisce il biglietto da visita