martedì 23 settembre 2014

Sarah Menefee, Stella Umana al Caffè Letterario Primo Piano di Brescia

L'Associazione Culturale "Movimento dal Sottosuolo" e l'Associazione "La falce e la luna" sono liete di invitarvi ad uno straordinario evento che vede protagonista la poetessa statunitense Sarah Menefee, membro fondatore di "Occupy San Francisco" e della "Revolutionary Poets Brigade".

VENERDì 26 SETTEMBRE 2014
alle ore 21:00
presso il Caffè Letterario Primo Piano di Brescia, in via Cesare Beccaria 10.
Design: Progetto Stefiro

In collaborazione con "Casa della poesia di Salerno"
in occasione dell'uscita del nuovo libro "Stella umana" edito da Multimedia Edizioni.

Saranno presenti l'autrice e la traduttrice Raffaella Marzano.



Sarah Menefee è nata a Chicago nel 1946, e scrive poesie da più di trent'anni pubblicando su giornali e riviste come Acts, Compages, Channel, Baltimore Sun, People's Tribune Volition, Left Curve, Real Fiction, Exit Zero, Gas, Working Classics, Worm in the Rain, Deluge, Beatitude, Conjunctions.
Membro del National Organizing Committee, corrispondente del "People's Tribune", è profondamente impegnata nel lavoro a favore degli homeless con gruppi e organizzazioni come la "San Francisco Union of the Homeless", la "Food Not Bombs" e la "Homeless Task Force" e partecipando all'organizzazione del giornale degli homeless di San Francisco, "Street Sheet".
Ha partecipato a molte azioni e campagne politiche (scioperi, occupazioni, azioni di disobbedienza civile e azioni di resistenza alle retate della polizia negli accampamenti di homeless. È stata portata in giudizio nel 1991 per aver dato cibo agli affamati "senza permesso" con il gruppo "Food Not Bomb", ma dopo sei mesi di campagna pubblica organizzata a suo favore le accuse sono state fatte cadere.
Attualmente Sarah Menefee vive a San Francisco dove lavora in una libreria e continua la sua opera nei movimenti culturali e politici a favore dei più poveri.
Il suo "Human Star" è stato pubblicato nel 2005 dalla Factory School.
Ha pubblicato con Multimedia Edizioni il bellissimo "Il sangue intorno al cuore" e il quaderno "Questa mano peritura".

Introduzione di Jack Hirschman

Negli Stati Uniti, in un esercito di poeti – tra cui rappers hip-hop e specialisti in rime – ce ne sono alcuni preziosi, quelli socialmente e politicamente impegnati, quei poeti che hanno individuato nei più emarginati, nei senzatetto, nei dilaniati da povertà e guerra e nella gente accartocciata e gettata in strada la bellezza e il potenziale rivoluzionario facendone il cuore della loro poesia.

Ecco perché il lavoro di Sarah Menefee è unico e sono felice di poter offrire qui qualche nota introduttiva ai suoi versi. Menefee compone le sue poesie in maniera insolita, offre a se stessa uno spazio vasto come un cielo di notte e poi va, di stella in stella, annota immagini epifaniche, dà loro forma, le fonde insieme e le infonde di un senso di dramma lirico, riversa in esse i suoi sentimenti per le vittime delle infinite guerre del capitalismo e, in particolar modo, per quelli che si trovano
senza lavoro e senza casa nelle strade.

C’è sempre metodo nella “pazzia” di Sarah Menefee. È una poetessa estremamente disciplinata che lavora per ottenere il miglior effetto socialmente drammatico grazie alla sua capacità di montare insieme immagini e stimoli, che le arrivano dal mondo che la circonda, con i ricordi e le situazioni presenti, esprimendo quella tenerezza e compassione che sempre danno dignità all’esistenza umana, impegnandosi nella street-graffiti propaganda – la scrittura col gesso sui marciapiedi – con altri attivisti che continuano il movimento Occupy a San Francisco, partecipando alla Lega dei Rivoluzionari per una Nuova America (LRNA) e alla Brigata dei Poeti Rivoluzionari (RPB), curando ininterrottamente e con amore suo figlio Maynard, deceduto qualche anno fa a 45 anni.

Ora, grazie alle traduzioni di Raffaella Marzano, gli italiani potranno di nuovo riconoscere una compagna della loro sensibilità, quella “stella umana” che è Sarah Menefee.


un saluto a tutti,
Andrea Garbin.
Posta un commento