venerdì 15 luglio 2016

A te offerto, da: Anche ora che la luna, 2010


A te offerto in dono come svendita invernale
a te troppo tardi quel che resta di me
quel che resta del giorno
e della notte insonne

a te l'ultima lacrima
l'ultima nota e la speranza di vederti
distesa al mio fianco a ricordare
il mio tempo d'infanzia

quel tempo che, tiranno, resta nella memoria
perché non t'incontravo amore

E poi arriva quell'aria di giugno
che ti allontana a me al mondo che ignaro
e stupido non si chiede dov'è l'altra parte di me

Aspetto autunno e ricordo questo assurdo
stato che innalza monumenti a geni morti di fame
quando ormai sono cenere e vedo ancora bambini
in cerca del ricordo dei loro lager
in cerca di altre ceneri amate
hanno perso tutto padri madri fratelli
case ritrovano fra le polveri di guerre insane
solo materassi inceneriti o coperti di polvere
tu noi con quel che dei nostri vecchi rimane
a coprirci sussurrando ninne nanne che nessuno ascolta
mentre bombe ancora cadono su Bagdad
squarciando cuori vecchi e giovani
donne bambini amanti innamorati
per la sciocca stupida vendetta d'un uomo
che dice di credere in Dio

Dio io non ti credo se ti crede lui
e poi le tre b sembrano cercarsi nel gioco della b
Bih diceva mia nonna siciliana: "bih!" e com'è
che Bush Blair e Berlusconi vanno a Bagdad?
odio la b pure il bello che è anche brutto
E rimango attonito e grido e piango
ma Dio che fine hai fatto? Hai mandato tre b
tutt'insieme verso Bagdad dove ognuno si chiama
Saddam Hussein come in Senegal tutti si chiamano Senghor
che vuol dire signore. Allora Dio non è Signore!

E corre il tempo passa quello del dolore
ma è lungo tanto lungo come è breve troppo breve
quel tempo di felicità ch'io la sento ch'io le parlo

Finisce Giugno continuano le ninne nanne
quelle che non fanno sentire ai bambini del Darfur
le esplosioni stesse dei loro fucili puntati
verso altri bambini verso altri fratelli
E noi a che fare? sperare che l'Italia vinca al pallone!
Allora che ci posso fare comincio a detestare
Dio, il pallone e quelli che si chiamano per B, bih,
come diceva ancora mia madre quando vide il marito
ubriaco imposto che scaricava la sua rabbia su di lei
infilandole un pugnale ruvido e orrido fra le cosce

E i palazzi cadevano in pezzi
tempeste di polvere sul sangue versato
tempeste di odio e di cadaveri a marcire al vento
al sole all'acqua acida che sembrava coprire il cielo
E correvano le nuvole veloci come a scacciare
le ombre nere di questa terra ormai sfinita
che gli esseri umani sembravano non volessero viverci più
Mi chiedevo, a me e agli altri bambini:
"Com'è che abbiamo perso e d'un tratto il giorno dopo vinto?"

Non capivo, sembrava mi odiassero
Sembrava proprio che non dovessimo viverci sulla nostra terra
mia madre ballava il tango con la rosa appassita
sempre la stessa, chiedevo la risposta meno convinta
abbiamo perso con gli americani che
ci hanno preso nella loro squadra e abbiamo vinto
contro i tedeschi che ci hanno espulso.
io avevo le brooklyn! ma non ne ero certo

Sarò bambino ma l'infanzia resta impressa
anche ora che sei tornata e la luna non c'è
tu ne vedi un'altra ma la musica è la stessa
Poi partì mia zia con un transatlantico e un soldato americano
così si navigava suonando e canti dei dialetti
d'ogni regione vi univano le musiche
ma i dialetti diversi in cerca di fortuna

Arrivati il soldato americano andò dall'altra moglie
anch'essa americana e mia zia tette grandi
e vita snella andò a serva finché trovò un uomo con due cuori
invece che due mogli e glieli offrì tutt'e due
lei scoprì l'amore quello che ti dà libertà d'essere sé

Mia madre venne giù dal balcone
si salvò riappacificò nacqui così fra tante guerre
e una sola pace, anche stavolta lo infilò male l'arnese
nacqui con molti difetti e mezzo cervello
così che l'occhio vede da mezzo cervello
Figurati disse il dottore tanti anni dopo
se l'avesse avuto tutto!…
Adesso è luglio sono passati anni
cerco la luna la mia per essere anche tua
e un mondo che più non c'è
ed io non posso che dire sono qui
con la mia luna che mi guarda mi consola
sembra dire: "e adesso che ci fai? È tardi
anche ora che la luna vi vede separati ma insieme
adesso che ci fai? Torni ? Già ricordi delle prime righe
timide, impacciate e piene di raccomandazioni:
non vorrei che accadesse, ed è accaduto,
meglio non sentirsi mai, ed è accaduto di sentirsi
ma è solo la mente, i miei, i nostri pensieri
ed è accaduto, accade, il desiderio di carezze
di esplorare quel corpo che non sai, non so
ed è accaduto che finisse giugno,
mia madre balla il tango, scopriamo la suite
il ricordo da bambino con le navi di allegri emigranti
(che ora scacciamo, schiacciamo)

Anche ora che la luna da noi è serena
e nuvole di guerre sembrano volate via
il mio cuore è tempesta sembra crollare
con fulmini e tuoni che minacciano la nostra luna che aspetta
curiosa guarda si nasconde a volte mezza, a volte tutta
mentre immagino cantarti le stesse ninne nanne
che cantavano a me, fra bombe mascherate da tuoni

e guardo il tuo corpo i seni le cosce il tuo ventre
dopo l'amore e per essere naturale fumo
come uno che fuma dopo l'amore
e mi sento idiota e cenere calda scende su di te
e allora non resta che rifugiarsi dietro la nostra adolescenza
e rimpiangere l'infanzia

lunedì 27 giugno 2016

Rosso di Sensi e di Intenti - Fotoclub 18%. Venafro

Sulla mostra fotografica curata da Simona Materi, allestita nel palazzo della Congrega 
dal Fotoclub 18% - diretto da Carlo Terenzi
Venafro 24 giugno 2016

Per vedere tutte le foto clicca QUI


Avevo scritto questi versi pensando a tutto ciò che porta alla mente il colore rosso.
Certo che amo ogni colore ma questo lo vedo in ogni azione della vita ed essendo persona senza molte certezze, volevo anche distaccare gli occhi dai bianchi e dai neri (coloro che vivono senza dubbio alcuno).
L’aveva apprezzata ascoltandomi Jack Hirschman, volendola tradotta per l’antologia Revolutionary Poets Brigade, non so come accadde, ma nell’antologia ne apparve un’altra ben poco rivoluzionaria.
Jack aveva forse intuito, non conoscendo molto bene la lingua che il titolo riecheggiava il mio primo intento. (Allusione ad un partito, partito ormai per sempre!)
Ho avuto qualche difficoltà persino a leggerla, tanto è rapido il passaggio per ogni immagine che avevo in mente.
Mai avrei quindi immaginato che potesse diventare un documento così esatto all’idea iniziale avuta.
Qualche difficoltà potevo averla per la croce, fraintendere era facile, non avendo mai minimamente pensato a una chiesa solidale, ma non potevo aggiungere né togliere, pensando a quante persone danno assistenza in tutto il mondo - persino una mia figlia è volontaria presso la croce rossa. Sebbene in tutti gli altri paesi non ci sia il simbolo della croce e neanche il rosso, (la mezza luna turca è una delle più attive) ma il sangue sì e molto.
Mi sto soffermando da ieri su ogni immagine, su alcune più volte interpretate anche se in modo diverso, rappresentano il pensiero che avevo ed ho. Ed è quindi una immensa gioia pensare a quanti vicini nell’arte, con forme diverse, si possa essere.
Il figlio che nasce, la madre che muore, le donne uccise non solo nelle guerre ‘esterne’ ma anche nelle proprie case, dai cosiddetti innamorati o compagni.
Qui, unica foto in bianco e nero, ne rafforza la drammaticità.
Come nel fiore - unico rosso - poggiato dal soldato sul bambino (immagine costante d’ogni vile guerra).
Ogni volta che una donna viene uccisa la considero una strage mai un semplice delitto. Lei è tante vite, lei è la vita! Ma è anche capace di arrossire per un complimento leggero.
La terra sebbene violentata, violenta a sua volta e continua a nutrire.
Così via verso dopo verso, ora c’è la vita delle immagini che consegna nel tempo questa commistione d’arte e di artisti che ne forma una sorta di filmato con la regia di Simona Materi certamente ha stimolato nell’accuratezza della presentazione, dove due forme poetiche altrettanto forti si esaltano e sublimano a vicenda.
Così come un rosso dell’alba che dà l’idea d’un cielo che scoppi e non solo, o come la tenerezza di quella fortuna di avere al fianco l’amata contrastano con la tristezza di cuori senza luce.
Come accade nelle molteplici forme della poesia anche l’incontro con il gruppo del Fotoclub 18% lascerà in me tracce non facilmente cancellabili ed ogni foto è già impressa nella tasche più segrete e intense del mio pensare. Non posso non pensare a un ritorno in un luogo così magico arricchito dalla presenza di tantissime persone capaci di emozionare ed emozionarsi.
Grazie, con sincerità, grazie a tutte\i voi: Aldorindo, Angela C., Angela Z., Angelo, Antonio, Carlo, Danilo, Federica, Gennaro, Giuseppe, Maria Alessandra, Maria Rosaria,, Pasquale, Roberta, Sandra, Silvana.
Un grazie a Francesco Giampietri (presidente dell'Associazione Culturale Etcetera) che ha consentito tutto questo 
conversando con Francesco Giampietri
con la straordinaria scenografia della Chiesa dell?Annunziata



mercoledì 22 giugno 2016

MonigArt 1° edizione 1-3 luglio [programma]

 MonigArt - insieme per un futuro più sostenibile 

L'appuntamento è per i primi giorni di luglio, un festival che racchiude poesia e attenzione alla sostenibilità del nostro pianeta. In luogo magico quale in Castello di Moniga e comunque a due passi dal Lago di Garda. Saranno molti i personaggi che vi prenderanno parte come Ferruccio Brugnaro, Fernando Arrabal, Otto Ville Hytonen, Neeli Cherkovski tutto pubblicati da noi attraverso Seam Edizioni o direttamente con la nostra assoociazione culturale Pellicano.

Anche il premio alla carriera assegnato quest'anno a Ferruccio Brugnaro sarà intitolato a Naim Araidi, poeta simbolo del disgelo fra Israele e Palestina, sempre da noi pubblicato. In questo contesto il primo luglio riceverà il premio per la poesia giovane Alessandro Tassinari, vincitore della prima edizione del Premio Masio Lauretti.



1 LUGLIO / Venerdì

ore 17:30 apertura Festival con il sindaco di Moniga del Garda e Amministrazione
Sarà presente la senatrice Laura Puppato (Commissione Ambiente Senato)
Conversazione con Don Giovanni Berti su l'Enciclica verde “Laudato sì” di Papa Francesco I - Jorge Mario Bergoglio
ore 18:00 Giardino di Epicuro: conversazione filosofica con il Prof. Luigi Rondina
ore 18:30 aperitivo in Blues con Cek Franceschetti
ore 19:30  presentazioni sponsor
ore 20:30 musica con SMAP Percussion
ore 21:00 readings poetici: Ferruccio Brugnaro (Italia), Consegna premi alla carriera e alla poesia giovane “Naim Araidi”, Agneta Falk (Svezia), Hava Pinhas-Cohen (Israele)
ore 22:00 intervento di Fernando Arrabal (Spagna)
ore 23:00 Dj set con The Dark Side of Brescia e Joao
ore 24:00 Chiusura Festival

2 LUGLIO / Sabato

ore 17:30 dibattito a tema Sostenibilità tra stampa e aziende
ore 18:30 aperitivo in musica con Daniele Gozzetti
ore 19:30 presentazioni sponsor  
ore 20:30 intermezzo musicale  
ore 21:00 readings poetici: Otto Ville Hytonen (Finlandia), Basir Ahang (Afganistan)
Nguyen Chi-Trung (Vietnam)

ore 22:00 Leonardo Manera di Zelig on stage
ore 23:00 concerto rock con Giorgieness
ore 24:00 chiusura Festival

3 LUGLIO / Domenica

ore 17:00 concerto elettrico con ULULA e LaForesta
ore 17:30  spazio dibattito su Ecologia e Capitale a cura del Centro Filippo Buonarroti  
ore 18:30 aperitivo in musica con Rossella Nazionale
ore 19:30 presentazioni sponsor  
ore 20:30 intermezzo musicale  
ore 21:00 readings poetici: Beppe Costa (Italia), Neeli Cherkovski (USA), Erling Indreeide (Norvegia)
ore 22:30 Concerto acustico con Omar Pedrini accompagnato da Marco Grasselli
apre Claudio Pozzani e band
ore 24:00 chiusura Festival

Durante le serate si potranno ammirare le installazioni artistiche di Andreja Jovic e la videoart di Matteo Delai.

Apertura degli stand espositivi e gastronomici dalle 17:30 alle 24:00 - Ingresso gratuito.
MonigArt ringrazia i sostenitori: Comune di Moniga del Garda, Associazione MonigArt per l'organizzazione, dovebrands.com per la comunicazione ed Eurotipo Verona per il supporto e la stampa. Con la collaborazione del Movimento dal Sottosuolo.

sabato 18 giugno 2016

La poesia di Iago vista da Ivana Moser

Per acquisti clicca QUI
La poesia di Iago 

Anche le scimmie odiano Tarzan, 
Pellicano 2016
ISBN 978-88-99615-04-8, pag. 118, € 10.00

    Nel 2003 Roberto Sannino ha 35 anni: labirinto di vie oscure la sua vita. Un bivio. Scegliere significa decidere della sua stessa vita. Roberto non sceglie, è la poesia a sceglierlo in una decisiva e sconvolgente notte. Quella notte Roberto si scopre poeta, scrivendo la sua prima poesia, la poesia che lo salva e che segna la sua rinascita. Decide allora di lasciare il mondo del lavoro per dedicarsi esclusivamente alla scrittura, di fare il poeta. Per suggellare questa rinascita, Roberto Sannino diventa poeticamente Iago. Perché proprio Iago, l’anti-eroe di Otello, il maligno in persona? Di certo non affascina il neo-poeta la connotazione maligna, ciò che lo affascina è la profonda conoscenza dell’animo umano, delle sue debolezze, delle sue corruttibilità e perversioni, che permettono a quel personaggio di portare a Inquietudine è la prima raccolta di poesie pubblicata da Iago nel 2004. Lo stesso anno il Poeta si aggiudica il premio Fonopoli di Renato Zero, partecipando al concorso internazionale “Fonopoli-Parole in movimento” con la lirica Il biancospino, che darà il titolo alla silloge pubblicata nel 2005. Da allora i riconoscimenti non si contano, ma questo è un argomento tabù per Iago, rifiuta categoricamente di parlarne, considerando premi e riconoscimenti, così come al giorno d’oggi vengono aggiudicati, un dis- equo strumento di giudizio per misurare il valore della poesia.
Le altre sue pubblicazioni: Il Dubbio 2005, Il Difetto 2008, Negativo a colori 2008, Delirium Tremens 2009, L’alibi perfetto 2010, Concerto per carta e inchiostro 2011, Fabian 2011 poesie e racconti brevi, La famiglia dello scalzo 2015.
La poesia, secondo Iago, deve arrivare, contagiare e sopra ogni altra cosa rimanere. Non crede al poeta costruito ma ai forti segnali che, se seguiti con coraggio, introducono in una dimensione di estrema sensibilità, come è successo a lui. La sua è una militanza giornaliera della pratica poetica, ogni giorno scrive poesie e lo fa di getto, istintivamente, senza correzioni. L’approccio con il foglio avviene quando la poesia è già stata pensata e vissuta e non esiste prevalenza di temi, perché a decidere è solo quello che lui giornalmente assorbe dal vivere. La poesia di Iago è frutto di quotidiana osservazione della vita, che ha però un preciso scopo ultra-quotidiano. 
L’ultima pubblicazione di Iago porta il titolo Anche le scimmie odiano Tarzan 2016: una raccolta di poesie che ancora una volta mirano a scuotere le coscienze, perché oggi, nel nome di interessi di parte, di ritorni ideologici e di algoritmi politici, è venuta meno la Riconoscenza ed è così che il Tarzan eroe generoso vive unicamente nel sogno, mentre il Tarzan reale viene condannato dalle stesse animalità che aveva cercato di proteggere. 
Quando un poeta prende la parola deve scuotere, incidere, scarnificare, afferma Iago. 
In questo senso, l’uomo-poeta Iago si fa scienziato, medico: incide le pagine con il bisturi della Parola, dopo che il suo “vedere e sentire” (essenziale presupposto per scrivere versi) hanno scarnificato risvolti di realtà “non buoni, non belli”, moralmente deleteri. I suoi versi compatti, densi, incalzanti, schiaffeggianti operano squarci nella mente del lettore e mettono in vibrazione le corde del percepire emozionale. Non conoscono lo strumento della lamentazione o il tono da moralista, non dispensano formule o soluzioni. Il loro richiamo al vivere in consapevolezza porta le vesti di una grande umanità, dell’ironia, della rabbia, della tristezza, del presente. Sono pillole di poesia, consigliate per aumentare la lucidità di percezione, la consapevolezza, la resistenza, ma amare, come i farmaci efficaci. 
Iago: Il mio parere sull'uomo? Un piccolo essere capace di grandi cose, un simil-Tarzan che qualche volta urla e dice “io ci sono

Ivana Moser

Scelta
Dopo aver consumato il corpo
il dolore taglieggia l’anima
e fa dell’ombra grana d’ossidiana,
sarebbe bello per una parte di me
svegliarsi e non ricordare più nulla.
Potrei farlo ma ho così tanto amore
intorno.

Iago ritratto di Roberto Faccenda


Iago, nome d’acqua Roberto Sannino. Nasce a Roma nel 68. Incontra la poesia nei pressi dei 40 anni, decide di lasciare il lavoro per dedicarsi esclusivamente all’attività poetica. Fautore di un fare diretto, attua incontri pubblici di scrittura “intemporanea” volti a favorire un dialogo vivo e dinamico tra persone e scrittura. Renato Zero lo premia nel 2006 (primo classificato al concorso Fonopoli con la poesia Il biancospino).

Ha pubblicato per case editrici non a pagamento: Delirium Tremens (Giulio Perrone), L’Alibi Perfetto e Concerto per carta e inchiostro (Bel-Ami edizioni) La famiglia dello scalzo (Seam) e Anche le scimmie odiano Tarzan (Pellicano). Presente in diverse antologie, come SignorNò, poesie e scritti contro la guerra.

Ha tenuto i seguenti laboratori di scrittura poetica per scuole e istituti privati: Funzione terapeutica della parola scritta. Introduzione alla pratica poetica e Il sentimento artistico di una riconciliazione.

È stato ospitato in fiere letterarie (Modena, Pisa, Napoli, Bari) e in rassegne culturali, in qualità di poeta accreditato ha preso parte a “Ottobre in Poesia”, festival internazionale interamente dedicato alla poesia, che ogni anno si svolge a Sassari.

Ha prodotto un ibrido cartaceo Fabian (L’Erudita-Perrone), di racconti brevi legati a poesie derivate. Ha ideato e messo in scena “Beethoven in versi” scrittura in presa diretta su base musicale classica. Dirige la collana di poesia ConVersiAmo, al fianco di Stefania Battistella, dell’associazione culturale Pellicano.

martedì 14 giugno 2016

‎EtCetera CulturaSocietà‎: La Notte della Poesia - II edizione

EtCetera firma la seconda edizione della Notte della Poesia, quest’anno nel palinsesto dell’Estate Venafrana. Patrocinato dal Comune di Venafro e dalla Provincia di Isernia, l’evento è previsto per venerdì 24 giugno alle 21.30. Confermata la location della prima edizione – la stupenda piazzetta dell’Annunziata nel cuore della Venafro antica, che l’anno scorso aveva accolto calorosamente Roberto Deidier ed Elio Pecora. 
Ospite d’onore Beppe Costa, una delle voci più originali e prestigiose della cultura italiana. Poeta anticonformista amante dell’amore e tradotto fra l’altro in arabo, ebraico e spagnolo, editore coraggioso promotore di autori come Montalbán, Adele Cambria e Goliarda Sapienza, fautore della prima applicazione della legge Bacchelli, nel 1985, a favore di Anna Maria Ortese. Un privilegio assoluto averlo a Venafro. Il reading di Rosso, la sua ultima raccolta poetica, sarà reso magico dalle musiche del maestro Claudio Luongo, pianista e compositore d’eccellenza.:

Nel programma della Notte della Poesia rientra anche la mostra “Rosso di sensi e di intenti”, proiezione fotografica dei versi di Costa promossa dal Fotoclub 18% e curata da Simona Materi. Sarà visitabile al primo piano della Casa della Congrega. 

La ricerca della bellezza richiede un valido gioco di squadra. Di qui la preziosissima collaborazione con il Parco dell'Olivo di Venafro e del Venafro Palace Hotel.

La Notte della Poesia beneficerà della partecipazione straordinaria del maestro Claudio Luongo, compositore d’eccellenza. Ha diretto prestigiose orchestre italiane e straniere, quali ad esempio l’Orchestra Nazionale di Kiev e quella del Teatro di Craiova, in concerti sinfonici e in allestimenti operistici. 
Aperto alle sperimentazioni, ha curato la pubblicazione di una raccolta di antiche canzoni napoletane trascritte per coro a cappella.
Vanta numerose collaborazioni con la televisione nazionale, fra le quali la composizione delle sigle dei programmi “Mi manda Rai Tre” e “Sereno Variabile”.




Rifugio

così m’era parso di vederlo il mare
andavo incontro senza scarpe
non ricordando di non saper nuotare

forse avrei potuto camminarci sopra
qualcuno prima di me lo aveva fatto
devo fidarmi di una storia antica

d’un gommone non c’è da fidarsi
sapevo già che l’onda m’avrebbe
per amore preso senza esitazione

ero quasi certo che camminando sull’acqua
non avrei trovato recinti né fucili puntati

e nessuna frontiera mi avrebbe mai fermato






"Quello che voi lettori troverete nei versi qui pubblicati non può che essere l’espressione densissima, complessa e variegata di quanto ciò che abbiamo detto del loro Autore vi permette di aspettarvi. E credo sia naturale che vi aspettiate un libro ricco di vera poesia, di vere vitalissime passioni, di tenerezza e rabbia, di grande, disarmante, profonda umanità. Perciò proprio questo potrebbe diventare il vostro prossimo livre de chevet, il compagno fedele di tante letture serali".


dall'introduzione di Antonino Caponnetto


Maggiori notizie sull'evento le trovi su facebook


Per maggiori dettagli sul libro e per acquisti clicca QUI
e puoi trovarlo anche su tutte le librerie online

sabato 14 maggio 2016

Poetry by the Planet: collana curata da Antonino Caponnetto

Nuova collana “Poetry by the Planet”

a cura di Antonino Caponnetto

Le nostre ragioni per questa nuova collana di Poesia sono varie e diverse, 
ma sono quelle di chi alla verità, alla forza della Poesia, 
alla sua universalità non ha mai voluto, 
né potrebbe mai, rinunciare.

La nuova collana  dell’Associazione Culturale Pellicano di Roma:
Beppe Costa (Italia) , 
Elena Liliana Popescu (Romania), AA.VV., 
“SignorNò” (Ristampa riveduta e ampliata con poesie di ulteriori Autori), 
Fernando Rendón (Colombia), 
Fahredin Shehu (Kossovo), 
Rosana Crispim Da Costa (Brasile) 
e altri, sui quali stiamo ancora ragionando riguardo alla sequenza di pubblicazione.
Continua a leggere cliccando QUI
con Antonino al Sirmio Festival, 2015. Foto: Marco Cinque


Antonino Caponnetto è nato nel 1950 

a Catania dove ha vissuto, salvo una breve
pausa romana, fino al 1980. Dal 1981 

vive a Mantova. Per l’Editore Campanotto 
ha pubblicato i due libri di poesie Forme 

del mutamento (1998) e La colpa del re 
(2002). Per le Edizioni Kolibris ha pubblicato la raccolta di 

versi Miti per l’uomo solo (2009). Il suo ultimo libro in versi (2015) è proprio con la nostra l'Associazione Agonie della luce. Suoi testi poetici sono stati 

radiotrasmessi e altri sono apparsi su rivista. Presso le Edizioni 

del Trito&Ritrito sono inoltre apparse quattro plaquettes:
A che serve? (2001), Le chiare strade (2002), Contromovenze 

(2003) e Petits cahiers pour la douleur du pauvre (2005). Per 

la rivista Zeta News, dal 2002 al 2006, ha curato insieme 

a G. Sammito l’inserto Atti Barbari. Ha promosso e curato 

iniziative sulla poesia e, in particolare, sulla scrittura poetica.
È presente in rete dal marzo 2012 con il blog 

martedì 3 maggio 2016

ContrAppunti perVersi: Franco Di Carlo

ContrAppunti perVersi è una pubblicazione Pellicanolibri, 1990, pag. 256
Per ordinare il libro utilizza il sito dell'editore  
1.
Tu non ricordi l'Angelo
della Notte rugoso e
diafano che con le mani
sporche e crudeli
ti cingeva la testa?
Si diradano le nebbie
e io li vedo ormai
in questo livido maggio
saturo di pioggia
gialla e salmastra
di fuoco di nembi
temprati all'ardore.
Ma io non ricordo più il mare
se non quando il fiume
che scorre mi tocca
la fronte volando
sulle ultime nevi.

 2.
Aspetto che faccia notte
per chiamarti nel sonno
quando il mondo è in silenzio
e senza vento. Vago e antico
il tuo viso compare in ombre
chiare tra canneti e narcisi.
Pallido di luna il ricordare
che giunge in ritardo sul fare
dell'alba: mi nascondo nel mare
e attendo in sospensione.

 3.
Lucidi ruscelli snebbiano
una sacra armonia d'alte parole
mentre il vento indura
questo giorno piovoso e oscuro.

Smania l'opaca solitudine
tra l'affannosa luna e questi
orridi mondi spaventosi mostri
fosco ardore tenero languore
d'un vano diletto.

E nel pianto e nel canto
a te rivelo questa chiara
bella e purissima luce discorde
che inaspra il cuore e
consacra questo pallido
gelato fremito d'amore.

Fluido tremore livido orrore
d'acque nitide e tempestose
che il vento ingela dilegua
volve e raggira in orribili
dolci fresche parole.

100 autori raccolti in volume da me curato, con la prefazione di Luigi Reina dell'Università di Salerno. 
E ha dato vita a una rassegna in via del Boschetto. 
Inizio a pubblicare alcune pagine dell'Antologia, partendo dalla grande autrice e amica Amelia Rosselli, (e via via tutti gli altri autori), con lei ho avuto diverse occasioni in Sicilia e qualcuna anche a Roma, di condividere la solitudine della poesia.
Tentammo, dopo esserci riusciti per Anna Maria Ortese, di fare applicare la Legge Bacchelli, ma non fece in tempo. Ignara che ne avrebbe goduto i vantaggi, si suicidò l'11 febbraio del 1996