sabato 6 dicembre 2014

Cine-concerto IV - Vocale Nova Euphonia - Teatro Smeraldo Sassari


Sabato 20 dicembre alle ore 21:00

Teatro Smeraldo - Sassari



Sabato 20 dicembre alle ore 21:00 presso il Teatro Smeraldo (Sassari, Via Gabriele D'Annunzio n° 6, traversa Via Pascoli) l'Insieme Vocale Nova Euphonia metterà in scena la quarta edizione del Cine-concerto, concerto multimediale che fonde musica, cinema e poesia.

In scaletta brani di

Hans Zimmer, Ennio Morricone, Howard Shore, Adele, Charlie Chaplin, Ludovico Einaudi, 
John Williams e molti altri, tratti dalle colonne sonore di film come Il Signore degli Anelli, 
Skyfall, Guerre Stellari, Quasi Amici, Les Choristes, Il Re Leone, Il Cavaliere Oscuro, 
Pirati dei Caraibi, L'Ultimo Samurai, Tempi Moderni...

Direttore Artistico: Vincenzo Cossu
Maestro Accompagnatore: Aurelio Sanna
Con un contributo poetico di: Leonardo Omar Onida

Realizzazione multimediale: Carlo Enrico Cossu
Service audio: Pix Service
Service video: SoS Video Freelance

In collaborazione con: Caritas Diocesana Sassari; POP - Progetto Ottobre in Poesia; We Work it Works Onlus; Nuovo Circolo Del Cinema; Cinemascetti Produzioni Sassari, Amerindia

Biglietti: INTERO € 7,00
RIDOTTO: € 5,00 (solo ai primi 100 minorenni o studenti universitari muniti di tessera)

Per info, prenotazioni e prevendite: Cell. 3294078638
Mail. nova.euphonia@gmail.com


mercoledì 3 dicembre 2014

Natale culturale: Roccagorga 2014


MMETROPOLI’SS
Associazione Culturale  fondata nel 1988

In collaborazione con:
HABITARIUS / NOVECENTO / G.A.V.

Presenta la VII Edizione di:

14-19-20-21 Dicembre 2014
Patrocinio:
COMUNE di ROCCAGORGA / PROVINCIA di LATINA / COMUNE di MAENZA
                         
Anche quest’anno METROPOLI’S organizza la manifestazione NataleCulturale giunta alla VII Edizione. Una rassegna che vuole essere insieme l’atto conclusivo delle attività svolte durante l’anno e semina di quelle dell’anno che verrà. Le difficoltà non sono mancate e non mancheranno, prima fra tutte la mancanza di risorse economiche, non essendo possibile ottenere finanziamenti pubblici. Ma non solo, considerato che la Cultura non sempre è capace di attivare una significativa partecipazione. Quest’anno inoltre e per la prima volta abbiamo voluto allargare la rassegna sul territorio iniziando dal Castello di Maenza. Questo  perché ci è sembrato giusto che un evento di interesse nazionale come i 500 anni dall’approvazione della Mappa delle Paludi Pontine disegnata da Leonardo da Vinci sia divulgato a più larga scala territoriale. Per quanto è di nostra conoscenza infatti, Metropoli’s è l’unica in provincia e in Italia che ricorda questo importante avvenimento.
Come sempre, l’ingresso alle attività è libero e gratuito, così come per i vari buffet offerti, ma sin da ora è possibile sostenerci prenotando qualcuna delle nostre 17 pubblicazioni o il DVD del Film-Documentario sull’Eccidio di Roccagorga telefonando ai numeri 3473422834 e 0773958802, scrivendo agli indirizzi mail metronovecento@libero.it e ciotter@libero.it o direttamente presso le attività commerciali che espongono il manifesto.
Sperando in una vostra significativa partecipazione, alleghiamo il programma.

Il Presidente Eros Ciotti




Domenica 14
Castello di Maenza - Ore 10,30
Convegno provinciale di apertura: “A 500 ANNI DA QUELLA MAPPA…”
14 dicembre 1514 - 14 dicembre 2014 - Mappa delle Paludi Pontine
Relatori: Eros Ciotti, Carmela Anastasia, Francesco Tetro, Pier Giacomo Sottoriva, Maurizio Guercio.
Testi correlati: Le paludi pontine del ‘500 e la Gioconda di Leonardo e PaeSaggi di Eros Ciotti (seconda edizione) / Quaderni del Museo del Paesaggio di Maenza a cura di Francesco Tetro / Gelasio Caetani, il realismo dell’utopia. Appunti per una biografia di Pier Giacomo Sottoriva.

Buffet offerto dalla Pro-Loco di Maenza

Venerdì 19
Corridoio Teatro Comunale di Roccagorga - Ore 9,30
Inaugurazione Mostra: “L’ECCIDIO DI ROCCAGORGA” - Storia, documenti e protagonisti – II edizione aggiornata (39 pannelli)
Teatro Comunale di Roccagorga - Ore 10,30
(Manifestazione ospitata)
Drammatizzazione del Natale dei ragazzi della Scuola dell’Infanzia dei Prati - “LA DANZA DELL’ALBERO DI NATALE”
Teatro Comunale di Roccagorga - Ore 20,30
Cinema: Prima assoluta del Film-Documentario: “EROICA ROCCAGORGA, cent’anni fa…” Lungometraggio Prodotto da Metropoli’s-Novecento

Sabato 20
Teatro Comunale di Roccagorga - Ore 10,30
Storia e ricerca: Apertura Mostra “TRACCCE DI STORIA” Terza edizione aggiornata - Documenti visivi inediti direttamente dagli archivi storici
Ore 20,30
Poesia: Video-Recitale e presentazione del libro “DELL’AMORE E D’ALTRE ABITUDINI” Con Beppe Costa e Stefania Battistella - Edizione PELLICANOLIBRI - In collaborazione con “Ottobre in Poesia” e “Metropoli’s”

Domenica 21
Teatro Comunale di Roccagorga – Ore 10,30
Tavola rotonda e Mostra:  “MA TU LA CONOSCI LA STORIA DELLA TUA CITTA’?”
PER UN ECO-MUSEO E UN CENTRO D’INFORMAZIONE CITTADINA
Libero dibattito con video proiezioni di documenti inediti
Costituzione di un gruppo di ricerca e divulgazione all’interno del G.A.V.
A seguire: RICONOSCIMENTO a cittadini che si sono distinti nel campo culturale (seconda edizione)
Aperitivo offerto da Metropoli’s
Teatro Comunale di Roccagorga - Ore 20,45
Replica video-teatrale: "LA CENA DEGLI ORACOLI”
Atto unico - Compagnia NOVECENTO - Produzione Metropoli’s-Novecento

CHIUSURA DELLA MANIFESTAZIONE / SCAMBIO DI AUGURI



P.S. - Durante i 4 giorni della rassegna saranno proiettati in continuità video-documentari prodotti da Metropoli’s-Novecento sulla storia, tradizioni e monumenti del nostro territorio.

venerdì 28 novembre 2014

Viaggiatori Immigrati Emigranti al Galeter di Montichiari

Viaggiatori Immigrati Emigranti
V. I. E. 

Sabato 6 dicembre dalle ore 21.00 al 
Galeter - Montichiari - Via Guerzoni 92

Domenica 7 dicembre ore 21.00 
Caffè Letterario "PrimoPiano" 
Via Cesare Beccaria, 10 Brescia



Gli autori insieme presentano

Andrea Garbin: "Croce del Sud" Gilgamesh Edizioni

Angel Galzerano: "Cronache sentimentali di un
Italiano a metà" Gilgamesh Edizioni

Silvia Rosa: "Italiane d'Argentina. Storie e memorie di un secolo
d'emigrazione al femminile (1860-1960)" Ananke

Un incontro stimolante, tra i racconti di un viaggiatore in America latina, l'esperienza 
di un immigrato in Italia e le ricerche sull'emigrazione al femminile in Argentina.

Musiche del Maestro Angel Luis Galzerano - FAN CLUB.

Letture Silvia Grazioli, Flora Pierani e Alessia Victoria.

Coordinamento artistico Fabrizio Grigo Contini.

Nenad Glišić e Ivana Maksić al Caffé letterario Primo piano, Brescia

Sabato 29 novembre ore 18.30
Presentazione delle opere dei poeti serbi
Nenad Glišić e Ivana Maksić 


Il "Movimento dal sottosuolo" torna ad animare il Caffè Letterario Primo Piano di BresciaVia Cesare Beccaria, 10, 25121 Brescia con un nuovo eccezionale evento che vede la partecipazione di ospiti internazionali.

Sabato 29 novembre alle 18:30 sarà una nuova occasione per tutti gli appassionati di poesia di sentire alcune voci locali ed internazionali. Quindi l'invito vale per tutti i soci dell'associazione, per tutti i simpatizzanti e per tutti coloro che amano la poesia.

Presentazione della collana di poesia "LE ZANZARE" (Gilgamesh edizione) con la presenza di dei poeti serbi Nenad Glišić e Ivana Maksić a presentare rispettivamente i loro libri "Nella pancia della bestia" e "La mia paura di essere schiava".

A cura di Andrea Garbin.
Interventi e letture di Nenad Glišić e Ivana Maksić.
Traduzioni di Francesca Leonardi e Fabio Barcellandi.
Copertine di Sandro Sardella e Andrea Garbin.

http://www.gilgameshedizioni.com/home/le-zanzare-poesia-dal-sottosuolo/


NENAD GLISIC è nato nel 1972 a Kragujevac, in Jugoslavia. Poeta e scrittore, editore e performer. In patria ha pubblicato sette libri di poesia: Patria, tu sei come la cirrosi per il fegato; Inni dei kamikaze; Fiori di Hiroshima; Canti di natura e società; Anachronicles; All’ombra dell’albero della conoscenza; Ere.Cicli. Autore anche del romanzo Tutto sui maldicenti e delle storie brevi Persone e situazioni, si è esibito come musicista sperimentale e artista multimediale. Vive a Kragujevac, in Serbia. È tradotto in Italia, da Francesca Leonardi, nella collana “Le zanzare” con il libro "Nella pancia della bestia".


Due poesie di Nenad tratte dal libro:


LA VISTA DEL SOLDATO SCHULZ

Fenomeni
come quelli del soldato Schulz
sono errori statistici

suicidi spregevoli
moralizzatori codardi

tu lo sai

persone
come il soldato Schulz
non si contano come vittime

la memoria
per il soldato Schulz
non è prevista
sapendo
che il soldato Schulz
è un suicida

il rispetto
per il soldato Schulz
fa ridere fragorosamente la gente

la storia
del soldato Schulz
non è fatta di parole

la vista
del soldato Schulz
disarma le scuse

la sua schiena
porta il peso
di una speranza


GOCCE DI PIOGGIA

Ho sempre amato le mie illusioni
per la ragione che non è necessario
spiegarle

Le mie illusioni sono state sempre gentili e non
troppo impegnative

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è una buona storia
e
il rumore della pioggia sulle foglie e sui tetti

Nei boschi
sotto la pioggia
in spazi e tempi immaginati
ci incontriamo occasionalmente
per prendere una pausa dai nostri guai
dalle nostre pesanti mattine e stanche serate

Io e le mie illusioni
allarghiamo le nostre mani e alziamo le nostre facce
Le gocce di pioggia

guariscono i nostri occhi



IVANA MAKSIC è nata nel 1984 (Serbia). Ha pubblicato un libro di poesie O telo tvori me (O corpo in-corpo-ra me) nel 2011. Si è laureata presso la Facoltà di Novi Sad, Dipartimento di Lingua e Letteratura Inglese. Una sua successiva raccolta di poesie è pronta per la pubblicazione e si intitola Izvan komunikacije (Oltre la comunicazione). Traduce poesie, saggi e brevi opere in prosa dall'inglese al serbo ed è il redattore capo della rivista letteraria Koraci (Passi). È tradotta in Italia, da fabio Barcellandi, nella collana “Le Zanzare” con il libro "La mia paura di essere schiava".





Due poesie di Nenad tratte dal libro:


LUI (INTENDO: TE)

Non lo conosco.
È un pazzo.
Non so nemmeno il suo nome.
Il suo nome. Non significa nulla.
Non lo conosco. Non è un pazzo, è uno straniero.
No, nemmeno un pazzo.
Un pazzo mi avrebbe sconvolto.

Uno straniero non avrebbe potuto.

PERCHÈ MUOIONO LE PERSONE IN SERBIA?

Ogni 15 interventi chirurgici in Serbia
14 vengono eseguiti da macellai.
Significa che c’è un 90% di possibilità che sua figlia
non sopravviva all’operazione.
Le operazioni lo hanno portato alla disperazione.
Per quanto duramente si sforzasse, non riusciva a
[raccogliere il denaro necessario.
Riusciva a dormire solo un’ora e mezza dopo ventidue
[ore di lavoro.
Si era rovinato, esaurito, umiliato.
Ecco perché non poteva partecipare alle serate
[letterarie.
Iniziavano regolarmente alle 8 di sera.
Che era ed è l’orario esatto in cui inizia la sua pausa di
[dieci minuti.





Per acquistare i libri clicca qui

Giuseppe Natale: Musica per film immaginari al Pentatonic di Roma


Associazione Culturale "Villaggio Cultura - Pentatonic"

Viale Oscar Sinigaglia, 18-20 - Roma
Domenica 30 novembre 2014 ore 17

Incontro con Giuseppe Natale

Musica per film immaginari
Giuseppe Natale alle chitarre

L'Autore è nato a Roma, dove vive e opera. 

Polistrumentista, si è diplomato in flauto al Conservatorio di S. Cecilia. In ambito teatrale e discografico, ha collaborato come chitarrista, flautista e cantante con artisti quali Antonella Steni, Tony Esposito, Gianluigi Di Franco, Renzo Zenobi e come assistente musicale con Carmelo Bene. 
Da trent’anni compone ed esegue musiche per Radio e Televisione. 

Nel 1991 è stato tra i fondatori, con Domenico Modugno, Franco Migliacci, Franco Micalizzi ed altri artisti, delsindacato S.N.A.C., per la difesa del diritto d’autore. Il suo ultimo lavoro discografico è il cd "MUSIC FOR IMAGINARY MOVIES".

Dal 2012 collabora con varie associazioni culturali e con poeti e scrittori, tra cui Beppe Costa, Stefania Battistella, Monica Maggi, Manuela Minelli, Cinzia Marulli Ramadori, Dona Amati e Simonetta Bumbi. 

Dallo scorso anno ha stretto un forte legame umano ed artistico con lo scrittore, fotografo e performer Marco Cinque e la Rome’s Revolutionary Poets Brigade, partecipando con le sue musiche ad eventi di carattere culturale e sociale.

ingresso con tessera ARCI; è possibile tesserarsi in sede

con Marco Cinque nel recente reading di "Articolo 1 -al Café Voltaire, con la Rome's Revolutionary Poets Brigade

mercoledì 26 novembre 2014

Igor Costanzo e il Movimento dal sottosuolo al caffè Letterario Primo Piano di Brescia

Sabato 13 dicembre 2014, alle ore 21:00,

L’Associazione Culturale Movimento dal Sottosuolo 
in collaborazione con il Caffè Letterario Primo Piano di Brescia, 
via Cesare Beccaria, 10 
e con le Edizioni Seam presenta il nuovo libro di

IGOR COSTANZO: "Apnea"

conduce ANDREA GARBIN

Sabato 13 dicembre 2014, alle ore 21:00, presso il Caffè Letterario Primo Piano, in via Cesare Beccaria 10, a BRESCIA, l'Associazione Culturale Movimento dal sottosuolo invita il pubblico alla presentazione del libro di poesie APNEA di Igor Costanzo, edito da Seam Edizioni. La presentazione si svolgerà dalle 21:00 nella saletta multimediale del locale. Sarà presente l’autore. Condurrà l'incontro il poeta mantovano Andrea Garbin.


Igor Costanzo si laurea a Verona in Lettere Moderne e Filologia Moderna. Attualmente insegna a Brescia
Nel 1998 scrive per Rai 3 la pièce teatrale Le ferite aperte dalla monotonia. Dal 1999 collabora con i Timoria, rimanendo in contatto con i componenti Enrico Ghedi e Omar Pedrini; quest'ultimo inserisce la sua poesia "Italia" nell'album intitolato Che ci vado a fare a Londra?
È stato assistente di Francesco Conz, ma la sua attività di promozione culturale prosegue fondando l'editrice Volo Press pubblicando e traducendo alcuni volumi di Paul Polansky ed Enrico Ghedi] prima, dirigendo poi con Beppe Costa e Stefania Battistella la collana "Inediti rari e diversi" della Seam Edizioni. Igor Costanzo dedica tutta la sua vita alla poesia, incontrando poeti quali, fra gli altri, Jack Hirschman, Hermann Nitsch, Lawrence Ferlinghetti, Alda Merini; come presidente della commissione cultura del comune di Moniga Del Garda, organizza numerosi incontri poetici e culturali portando in italia diverse personalità importanti, appartenenti al mondo della letteratura. Nel 2013 è promotore del premio alla carriera conferito a Fernando Arrabal, e nel 2014 a Jack Hirschman. Le sue poesie sono tradotte in varie lingue, tra cui inglese, sloveno, francese, cinese.

Abbracciato ad un albero per lanciare una provocazione, una presa di coscienza generale. Apnea, lo stato confusionale in cui si trova la società di oggi: un momento di privazione dell'aria tra due boccate. Il bivio obbligato che fa della crisi un momento di scelta, come la stessa parola racconta fin dall'antichità. La crisi, la scelta: vivere o morire, respirare o soffocare.


Nota conclusiva

Nel corso della serata, oltre ad acquistare il libro di Igor Costanzo, sarà possibile sostenere le attività dell’associazione acquistando una copia del libro Manifest'Azioni dal Sottosuolo, oppure iscrivendosi all’associazione come socio sostenitore avendo così diritto a ricevere una copia del libro. Sarà inoltre possibile registrarsi alla newsletter del movimento.

Costanzo e Garbin nel luogo 'storico del 'Movimento?
il Galeter di Montichiari, durante l'incontro col poeta
Naim Araidi


W la Rivoluzione di Iago

Il poeta a Olbia nella recente edizione del
Festival Ottobre in poesia
 Non è possibile, non ci credo!
Questa esclamazione rimane ferma in piedi tra le mie tempie. Non si muove di un millimetro neanche quando scuoto la testa. 
Secondo un recente studio i bambini da grandi non vogliono più fare l’astronauta; il campione in esame indaga sui nostri piccoli fino all’età di 10 anni.
Il loro sogno, o meglio il nuovo sogno, la più grande ambizione è quella di essere cuochi.
Avete capito bene: stare ai fornelli, mettersi un grembiule, condire pasta, tagliare aglio e cipolla, affettare pancetta, preparare pasti per un grande a affermato ristorante d’alta cucina.
Bene, sono bambini cosa c’è di strano? I tempi cambiano, la nuova tv incombe con tutti i programmi di intrattenimento per il pubblico minore; è positivo che vengano stimolati in modo costruttivo (mi si dice).
No, non ci siamo, mi sono perso.
Quando ero alle scuole elementari avevo dei sogni o più romanticamente dei desideri, mi vedevo in una capsula spaziale tra le stelle lungo sentieri mai visti da altri. Spesso immaginavo di comandare di un’importante spedizione scientifica, pronto a esplorare i misteri della natura, oppure di avere i tanto invocati superpoteri.
“Iagoman sventa una rapina alla banca” che titolo da prima pagina.
Invece ora stanno uccidendo anche l’immaginazione dei bambini, la forza trainante del futuro uomo sociale è sempre stata la curiosità. Desiderare qualcosa che non si conosce ma si percepisce, come in un valzer di veli che permette di vedere per poi nascondere il movimento alla mente, fino all’imago favolistico.
Lì, il cuore batteva e s’inalberava... infine la calma del sorriso infantile, il ghigno ingenuo di possibile ascesa nel sogno che si annullava e rigenerava. Questo è il vero atto rivoluzionario, la più grande rivolta dopo quella francese, vuole i nostri figli privi di desiderio. Un piano perfetto messo in opera con le margherite in mano.
Nessun genitore grida rifiuto, anzi contenti della nuova tendenza, eccoli già pronti per abbellire l’albero del vicino Natale, con mini pentolame vario, finti baffi, guanti rosa e cipolle vere.
Li sentite?
“sai cara, mio figlio ha preparato un piatto di fettuccine ai funghi, ma che bravo il mio bambino è un genio”- oppure - “la mia nipotina ha fatto una torta alle mele divina”.
Inevase restano le gesta fantastiche e le prospettive di vittoria, seppur fugaci, inevitabilmente legate ad un’età presto dimenticata ma appunto per questo unica come quei sogni rimasti cotti in padella.


Ero troppo piccolo
per capire lo sforzo dei grandi
seriamente impegnati a farci credere
nel bacio delle fate
o nella benevolenza d’una vecchia
in volo sulla scopa.

Ora sono troppo grande
per accettare la musica dolciastra
dell’attesa
e quando vedo l’elfo
uscire da sotto l’albero
cambio strada
adesso che conosco
il sapore della crescita.



Iago, nome d’acqua Roberto Sannino, poeta. Nel 2006 vince il premio Fonopoli di Renato Zero, con la lirica “Il biancospino”, che da il titolo alla sua prima silloge edita. Seguono (editi da case editrici non a pagamento), Negativo a colori(2008), Delirium Tremens (2009), L’alibi perfetto (2010), Concerto per carta e inchiostro e Fabian 2011. Preferisce portare la poesia verso le persone, sceglie luoghi ed eventi popolari, nei quali scrive in presa diretta e regala fogli d’inchiostro ai convenuti.Tiene corsi di introduzione alla pratica poetica per circoli letterari, scuole e strutture comunali. Organizza eventi letterari, ultimo in ordine di tempo “Colosseo e altri luoghi” (presentazione del libro con inediti di Dario Bellezza). Di prossima pubblicazione “ La famiglia dello scalzo” opera in versi (Edizioni Seam).